OMEGA-3 PER L’UMORE NELL’ANZIANO

La depressione è un disturbo frequente nei soggetti anziani e compromette la qualità della vita. L’integrazione con acidi grassi polinsaturi omega-3 potrebbe aiutare a ridurre i sintomi di depressione nell’anziano, secondo i risultati di un nuovo studio pubblicato nel Nutrition Journal. Lo studio ha valutato gli effetti dell’integrazione con 2,5-3 g/die di omega-3 sui sintomi di depressione e la correlazione tra questi effetti e la concentrazione di acidi grassi in circolo.

Lo studio randomizzato ha coinvolto 46 donne depresse di età compresa tra i 66 e i 95 anni. 22 donne sono state trattate con 2,5 g/die di omega-3 e 24 donne con placebo per 8 settimane. Sono stati valutati anche parametri immunologici quali CD2, CD3, CD4, CD8, CD16, CD19 e citochine (IL-5, IL-15).

Il punteggio secondo la scala GDS (Geriatric Depression Scale) e il rapporto omega-6/omega-3 (misurato come acido arachidonico/EPA) nel sangue e nelle membrane dei globuli rossi sono risultati significativamente inferiori dopo 2 mesi di integrazione con omega-3. E’ stata inoltre evidenziata una correlazione significativa tra il rapporto omega-6/omega-3 e la variazione di alcuni parametri immunologici (CD2, CD19, CD4, CD16).

L’Integrazione con Omega-3 ha migliorato i sintomi di depressione. Gli effetti sui sintomi depressivi sono stati accompagnati dalle variazioni delle concentrazioni di acidi grassi in circolo che risultavano molto bassi nei soggetti depressi (in particolare l’EPA).

30/10/2012

Fonte:
Rizzo A. Et al.
‘Comparison between the AA/EPA ratio in depressed and non depressed elderly females: omega-3 fatty acid supplementation correlates with improved symptoms but does not change immunological parameters’ Nutrition Journal 2012, 11:82

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23046564

Condividi:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Ok