Integrazione tra fisica, chimica e biofisica

INTEGRAZIONE TRA FISICA, CHIMICA E BIOLOGIA ALLA BASE DELLA MEDICINA DEL FUTURO.

Scoprire tutti i complicati e a volte misteriosi meccanismi che sono alla base del funzionamento del nostro organismo è sempre stato e forse sempre sarà il sogno dell’uomo e della medicina.
Qualche settimana fa ho assistito ad un interessantissimo convegno a Milano in cui si trattava proprio questo argomento, a volte mi piace spingermi oltre i confini canonici della naturopatia.

Credo che i segnali della medicina del futuro, che poi è già nel presente ma non vengono interamente compresi, siano stati ben delineati.
Ormai è noto che i vari processi che avvengono a livello cellulare non rispondono unicamente ad impulsi di tipo biochimico,fatto questo ampiamente studiato, ma anche e a volte soprattutto di tipo biofisico ed energetico.
Le ricerche in omeopatia ed omotossicologia lo hanno dimostrato…quando una sostanza in un rimedio è presente a dosi infinitesimali o addirittura non è affatto presente ed esplica ugualmente una sua funzione specifica è chiaro che il messaggio o la stimolazione che viene mandata alla cellula non risponde alle leggi della biochimica (la sostanza non c’è) ma a quelle della biofisica, dell’energia. Segnali elettromagnetici a bassa frequenza che hanno come principale mezzo di trasmissione l’acqua, ma la cosa non finisce certo qui in quanto gli studi di PNEI dimostrano che anche la nostra psiche svolge un ruolo a volte fondamentale in questi processi.

In definitiva quindi si aprono scenari futuri veramente impensabili fino a qualche anno fa.

Vi indico questo breve video in cui alcuni relatori presenti parlano dell’argomento
http://www.youtube.com/watch?v=1V68uf7Y5KM

Condividi:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Ok