Finalità del sito

Lago di GhirlaMigliorare il nostro stato di benessere psico-fisico sarà il tema principale, ma non il solo, che potrete trovare in queste pagine.

Poter beneficiare di buona salute è una condizione che facilita notevolmente il nostro cammino nella vita. Tutti noi concordiamo nell’affermare questo principio e in una scala ipotetica di valori che innalzano la qualità della nostra vita normalmente collochiamo la SALUTE ai primissimi posti. Quando stiamo bene siamo più attivi, possiamo progettare e sognare di raggiungere tanti obiettivi, assumiamo in generale un atteggiamento più positivo verso il mondo che ci circonda e abbiamo anche più possibilità di essere di aiuto agli altri, in definitiva quindi è una condizione importante, anche se non la sola, per VIVERE MEGLIO.

A dispetto dell’importanza della posta in gioco, nello svolgere la mia professione ho constatato che in pochi si attivano veramente per camminare lungo il sentiero che porta alla SALUTE. Per mancanza di informazioni, o per cattiva attitudine a sviluppare un sano spirito critico, spesso l’evento malattia è considerato come un qualcosa di normale, di quasi inevitabile, dettato il più delle volte dal caso o dalla malasorte e quando ci ammaliamo siamo abituati a delegare a terze persone il compito di guarirci.

A volte ciò è necessario, ma assumendo come regola questo tipo di atteggiamento non ci sentiamo responsabilizzati e ci dimentichiamo che i primi fautori del nostro stato di salute siamo noi stessi. 

Fallere 1Lo scopo principale di questo sito sarà quello di cercare di dare tutte le informazioni necessarie affinché ciascuno di noi possa conoscere i meccanismi che consentono al nostro organismo, stimolandone la forza vitale, di mantenersi in buona salute. La malattia con i suoi sintomi spesso è il segnale dell’avvenuta alterazione dell’equilibrio funzionale del nostro organismo e di conseguenza è in direzione del recupero di tale equilibrio che dobbiamo concentrare le nostre energie. All’interno delle varie sezioni tematiche analizzeremo le principali cause che possono alterare il nostro stato di benessere e lo faremo seguendo i principi della NATUROPATIA, cioè studiando l’individuo nella sua globalità, in una visione “olistica” in cui corpo, mente, spirito e contesto ambientale sono strettamente correlati fra loro. Ne consegue che ci disinteresseremo di nozioni strettamente inerenti alla anatomia, alla patologia ed alla terapeutica, discipline di competenza esclusivamente medica, ma ci indirizzeremo verso la ricerca delle condizioni necessarie per rafforzare l’ENERGIA VITALE presente in ogni essere vivente.

“Non ci sono malattie, ma solo malati” affermava Ippocrate ed è al malato che si deve insegnare la via che porta alla salute ponendo la nostra attenzione non sul sintomo, ma bensì sulla ricerca della causa più profonda che lo ha scatenato.

Questo importante concetto, che chiameremo trattamento del “TERRENO, verrà ben approfondito nelle varie sezioni tematiche. Accanto ai temi principali che avranno una certa stabilità nei contenuti, nella sezione “articoli” troverete gli aggiornamenti relativi a varie tematiche sempre inerenti al tema SALUTE  e MALATTIA. …e confini limitrofi!!

Nella sezione contatti infine vi invito a pormi eventuali domande o chiedere chiarimenti sui temi trattati,  risponderò a tutti nel più breve tempo possibile.

In ogni caso ritenetemi sempre a vostra disposizione.

**Ringrazio il professor Renato De Magistris che mi ha dato la possibilità di inserire nel sito diversi suoi studi frutto di anni di lavoro e ricerche nel campo della prevenzione e cura delle malattie. Sempre all’interno delle varie sezioni potrete trovare studi, riflessioni ed articoli di altri professionisti della salute pubblicati nei loro siti di riferimento, con citazione della fonte, di cui ne ritengo utile la condivisione. Contribuire a diffondere le giuste informazioni è del resto uno degli scopi principali di questo sito. L’informazione è il primo passo verso la conoscenza, fatto ancor più di rilievo quando il tema è la nostra SALUTE.

Condividi: